torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

diritto
casa, dolce casa?
di Stefano Ratiglia
Avvocato civilista

Nell'attuale mercato immobiliare, caratterizzato soprattutto nelle grandi citta' da prezzi vertiginosi, acquistare casa direttamente dal costruttore puo' rappresentare un buon affare.

E' fondamentale, pero', scegliere un costruttore serio e conosciuto, perche' in caso contrario i rischi possono essere elevati.

Ad esempio, la mancata vendita degli altri appartamenti puo' portare il costruttore-venditore ad una mancanza di liquidita' e quindi ad un ritardo nell'ultimazione dei lavori.

Addirittura, e i casi sono purtroppo numerosi (si stimano in circa 150.000 in Italia), si puo' rischiare di perdere la propria casa se il costruttore fallisce.

Questo accade anche se l'appartamento e' gia' stato regolarmente acquistato con contratto stipulato dinanzi ad un notaio.

Nel caso in cui il costruttore fallisca entro due anni dalla stipula del contratto, l'immobile acquistato potra' rientrare tra i beni destinati ad essere messi all'asta allo scopo di soddisfare i creditori del fallito.

In questo caso non solo si perdera' la casa, ma sara' pressoche' impossibile recuperare i soldi giÓ versati.

Pertanto sarebbe buona norma che il costruttore, per dimostrare la propria serieta' e correttezza, prestasse una garanzia fideiussoria sull'immobile.

E' bene, inoltre, rivolgersi prima dell'acquisto a professionisti in grado di verificare la correttezza del contratto di compravendita, il rilascio delle varie concessioni edilizie e l'esistenza di ipoteche.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it