torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
la salma di Mao come quella di Stalin?

Alcuni intellettuali cinesi hanno pubblicamente chiesto che la salma imbalsamata di Mao lasci la piazza Tienanmen e venga sepolta a Shaoshan, il suo villaggio natale nell'Hunan.

Anche se ufficialmente la proposta si rifa' alla cultura cinese, secondo cui i cadaveri devono tornare alla terra, in realta' c'e' dietro un discorso politico sul "Grande Timoniere", visto come un ingombrante ricordo di periodi non certo ricordati con nostalgia dai cinesi. Tanto e' vero che contestualmente gli intellettuali chiedono anche la rimozione dell'enorme ritratto di Mao che campeggia sulla piazza piu' importante della Cina.

In realta' Mao aveva chiesto di essere cremato, ma i dirigenti del partito comunista vollero imitare russi e vitnamiti, che avevano imbalsamato le salme di Lenin e di Ho Chi Min e costruito imponenti mausolei (anche Stalin era stato imbalsamato, ma la sua salma venne rimossa negli anni del disgelo kruscioviano).

La stessa notte della morte, alla salma furono fatte iniezioni di formaldeide e poi fu completata l'opera di imbalsamazione. Ben presto sulla piazza apparve un mausoleo che, secondo alcuni, rovina l'equilibrio e l'arminia della piazza, costruita con l'intento di rappresentare l'asse ideale della Cina e della terra.

Oggi in Cina la figura di Mao Zedong e' stata molto ridimensionata e non si nasconde che gli anni della Rivoluzione Culturale furono anni di caos e che il "Grande balzo in avanti" costo' la vita a 43 milioni di persone (piu' o meno).

Un sondaggio del giornale "South China Morning Post" ha avuto come risultato che oltre i tre quarti degli interpellati hanno dichiarato che sarebbero favorevoli allo spostamento del corpo di Mao da piazza Tienanmen.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it