periodico di politica e cultura 22 novembre 2017   |   anno XVII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

musica: al Teatro Sperimentale di Pesaro

Cheap Wine in concerto

Pesaro Città della musica Unesco ospita venerdì 10 novembre al Teatro Sperimentale – su iniziativa del Comune di Pesaro e dell’AMAT - il concerto dei Cheap Wine per festeggiare i 20 anni di attività del gruppo pesarese con la presentazione del nuovo lavoro discografico Dreams, uscito lo scorso ottobre e distribuito da IRD.

I Cheap Wine sono attivi dal 1997 e vantano la più lunga ed intensa storia di autoproduzione mai realizzata in Italia nell’ambito della musica rock. Dodici album alle spalle, gratificati dai grandi consensi del pubblico e della critica specializzata, centinaia di concerti in Italia e all’estero, tante canzoni trasmesse da numerose emittenti radiofoniche in Europa e negli Stati Uniti hanno reso inossidabile la reputazione dei Cheap Wine, da molti considerati la più grande rock’n’roll band italiana. Ed è proprio la dimensione live il punto di forza dei Cheap Wine, che sul palco riescono ad esprimere appieno tutta la potenza del loro sound chitarristico, capace di sintetizzare, attraverso una lettura del tutto personale, 50 anni di musica rock. Energia allo stato puro, unita ad una padronanza tecnica straordinaria: un concerto dei Cheap Wine è sempre qualcosa di imperdibile.

Con l’album Dreams si chiude la trilogia aperta da Based on lies nel 2012 (nel quale i personaggi cercavano un riparo da una crisi, economica e di valori, che li stava aggredendo) e proseguita con Beggar town nel 2014 (la presa di coscienza della distruzione, l’osservazione delle macerie e la necessità di trovare la forza per rialzarsi e ricominciare a camminare). Nel nuovo capitolo le canzoni raccontano la prospettiva di un nuovo futuro, nel quale tornano in gioco i sentimenti, le aspirazioni, i sogni che erano infranti al tempo dell’esplosione della crisi. Come sempre, i testi di Marco Diamantini sono importanti, ricercati, profondi, a sposare musiche, scritte dallo stesso o dal fratello Michele, perfettamente aderenti al racconto. L’album è aperto da Full Of Glow, perfetta introduzione a un disco marcatamente rock, esaltato dal lavoro di sezione ritmica (Alan Giannini alla batteria e Andrea Giaro al basso) e tastiere (Alessio Raffaelli). Non c’è un solo minuto di stanca, in queste dieci tracce, concluse dai due gioielli rispondenti a Reflection e alla title track, splendida ballata giocata su chitarra acustica e piano elettrico. In questo contesto, a suggello delle celebrazioni del ventennale, si inserisce anche la pubblicazione di un bel volume contenente tutti i testi, con traduzione a fronte e introduzioni di amici, colleghi, giornalisti. Il libro è ordinabile, come il disco, sul sito della band.

Biglietto posto unico numerato 10 euro. Informazioni e prevendita Teatro Rossini 0721 387620-21, Teatro Sperimentale 0721 387548 (la sera del concerto dalle ore 19). Inizio concerto ore 21.

articolo pubblicato il: 06/11/2017

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy