periodico di politica e cultura 26 maggio 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

teatro: al Teatro La Giostra di Napoli

"Il cunto del viaggio dei due nobili gentiluomini"

nella stessa sezione:
Nicola Laieta, con i giovani di Maestri di Strada della periferia est della città e gli educ-attori dell'Associazione Trerrote, presenta il 17 e 18 febbraio, (sabato alle ore 20:30 e domenica alle 19) al Teatro La Giostra di Napoli Il cunto del viaggio dei due nobili gentiluomini, liberamente tratto da Terenzio e Shakespeare. Uno spettacolo tra musica e teatro, caratterizzato da un fitto intreccio di storie e di personaggi. Storie di padri e figli, di fratelli, d'invidia, d'amore, di vendetta. Tutti i personaggi sono alla ricerca di se stessi all'interno di una narrazione che culminerà con un finale sorprendente.

«Come dice uno dei personaggi di Terenzio, i genitori giudicano i figli in base ai loro desideri, ma non quelli di quando anch'essi furono giovani ma con gli occhi della loro vecchiaia. Pur se apparentemente inconciliabili le vite di tutti i personaggi così diversi nei pensieri e nelle condizioni di vita sono profondamente intrecciate e invischiate in un'insaziabile fame d'amore e riconoscimento, proprio quell'amore che spesso i fratelli si contendono sentendosi dipendenti dall'affetto dei genitori. - ci racconta Nicola Laieta, regista e coordinatore del Laboratorio delle Arti di Maestri di Strada - Le passioni arrivano alle loro estreme conseguenze senza riuscire a colmare l'insoddisfazione nella mente dei protagonisti. Esistono infatti ragioni del cuore che la mente non sa spiegare, questa frase di Montaigne, conosciuta nella pratica di lavoro con Cesare Moreno, ben rappresenta, secondo me, gli sforzi dei Maestri di Strada di procedere spesso a tentoni, ma insieme attraverso la riflessione comune e il dialogo verso le ragioni e le regioni oscure della tristezza e del risentimento dei ragazzi che incontriamo».

Lo spettacolo s'inserisce nella programmazione delle attività 2018 di Maestri di Strada nella prospettiva di attivare la raccolta dei fondi che contribuiranno alla nascita della Fondazione Maestri di Strada per assicurare un futuro più certo alle attività future. Recentemente il presidente Cesare Moreno è stato insignito del Premio Fondazione Premio Napoli alla Cultura 2017, con l'assegnazione di una somma di quattromila euro «che rappresentano - dichiara Moreno - la prima pietra per la costituzione della Fondazione Maestri di Strada indispensabile per passare da un'amministrazione fondata sulla garanzia personale del presidente a un'amministrazione garantita dal fondo di dotazione».

Info e prenotazioni: ufficiostampa@maestridistrda.it

SINOSSI Ctesifone e Eschino sono due fratelli molto diversi: il primo è un ragazzo pacato, amato dai familiari ma soggetto al volere del padre Demea; il secondo è un giovane scapestrato, con una cattiva reputazione e cresciuto (per motivi misteriosi) con lo zio paterno Micione. Ctesifone si innamora perdutamente della prostituta Bacchide, schiava del pappone Sannione, e chiede al fratello di rapirla per lui. Eschilo, invidioso perché Ctesifone è benvoluto da tutti e accusato di aver violentato Panfila, sceglie di tenere Bacchide per sé. La giovane vede nel furbo e svelto Eschino la possibilità di riscattarsi dalla sua condizione e i due fuggono insieme, inseguiti dal pappone e dalle altre prostitute invidiose. Anche Ctesifone si mette alla caccia dei due giovani. Quando i fuggiaschi saranno raggiunti dai loro inseguitori, la vendetta sembra prendere il sopravvento.

NOTE DI REGIA In questa storia di paradossi, due stili educativi si confrontano e si scontrano generando ansie e comiche diatribe tra due fratelli antitetici, Micione il comprensivo e l'irremovibile Demea, padri di due figli altrettanto opposti l'impulsivo Eschino e il pavido Ctesifone. I padri e i figli, pensano e agiscono su binari paralleli senza riuscire a trovare mai un punto di incontro e di reciproca influenza come se mancasse a entrambe le generazioni la capacità e la volontà di riconoscere nell'altra una parte di sé. Come dice uno dei personaggi di Terenzio, i genitori giudicano i figli in base ai loro desideri, ma non quelli di quando anch'essi furono giovani ma con gli occhi della loro vecchiaia. Pur se apparentemente inconciliabili le vite di tutti i personaggi così diversi nei pensieri e nelle condizioni di vita sono profondamente intrecciate e invischiate in una insaziabile fame d'amore e riconoscimento, proprio quell'amore che spesso i fratelli si contendono sentendosi dipendenti dall'affetto dei genitori. Le passioni arrivano alle loro estreme conseguenze senza riuscire a colmare l'insoddisfazione nella mente dei protagonisti. Esistono infatti ragioni del cuore che la mente non sa spiegare, questa frase di Montaigne, conosciuta nella pratica di lavoro con Cesare Moreno, ben rappresenta secondo me gli sforzi dei Maestri di Strada di procedere spesso a tentoni, ma insieme attraverso la riflessione comune e il dialogo verso le ragioni e le regioni oscure della tristezza e del risentimento dei ragazzi che incontriamo. Eschino e Ctesifone, Micione e Demea, e gli altri personaggi, in un gioco di specchi, diventano il riflesso caleidoscopico, dei mille aspetti della dimensione del "fraterno" tanto pericolosa quanto produttiva per noi tutti. Scrivere e realizzare questo spettacolo, partendo dai sentimenti dei miei giovani compagni ha significato, sperimentare però tutte le possibilità positive e creative della dimensione fraterna: il senso di protezione, la cooperatività, il conoscersi attraverso lo sguardo dell'altro, la capacità di superare il conflitto. Le uggiose e malinconiche lune dell'adolescenza riusciranno a illuminare la notte a giorno come splendidi e possenti soli della felicità pubblica.

Il cunto del viaggio dei due nobili gentiluomini (Adelphoe) da W. Shakespeare e Terenzio

con Chiara Auletta, Domenico Bisogni, Renato Bisogni, Gabriele Buo, Rosa Capuano, Nadia Carfagna, Filomena Carillo, Roberta Carratore, Antonio D'Amato, Arianna Dentice, Giuseppe Di Somma, Giuseppe Esposito, Salvatore Esposito, Veronica Formisano, Consuelo Giangregorio, Gabriele Gigante, Francesco Giglio, Syria Giulietti, Francesca Liberti, Luca Navarra, Carmine Marino, Giulia Menna, Lucia Pia Noviello, Alessia Petriccione, Chiara Maria Elena Ostuni, Chiara Stella Riccio, Martina Scognamiglio, Pasquale Sommella, Antonio Taurisano e con i giovani rapper Ciro Caruso, Luca Esposito, Salvatore Iannaccone, Francesco Morra

regia e adattamento Nicola Laieta collaborazione alla drammaturgia Fabrizio Nardi collaborazione alla musica Irvin Vairetti scene Peppe Cerillo costumi Daniela Salernitano maschere Simona Batticore

produzione Maestri di Strada in collaborazione con Trerrote con il sostegno del Centro Giovanile Asterix di San Giovanni a Teducccio

articolo pubblicato il: 13/02/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy