periodico di politica e cultura 22 giugno 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

elzevirino

piccolo senatùr cresce

di Lf

nella stessa sezione:
La figura più simpatica, diciamo così, l'ha fatta La Russa, chiedendo a Napolitano e a Giachetti di rinviare le sedute del Parlamento per permettere al centrodestra di ricucire lo strappo tra Salvini e Berlusconi, apparentemente ignaro che fin dai tempi lontani della Prima Repubblica le riunioni più importanti si sono sempre tenute in ore serali se non notturne. La Russa, assente da molto tempo dai palcoscenici che contano, ha avuto la brillante idea di mettersi alla ribalta proprio nei giorni in cui emergono dettagli, anche molto sgradevoli, di quella guerra alla Libia che tanti strascichi ha avuto e sta ancora avendo. Lui era Ministro della Difesa e, se non poteva opporsi al coinvolgimento logistico italiano, avrebbe potuto benissimo dimettersi.

L'elezione di Maria Elisabetta Alberti Casellati alla Presidenza del Senato è stata un capolavoro di Salvini, il quale ha dimostrato che Forza Italia non è più il partito egemone del centrodestra e che Fratelli d'Italia è solo un vaso di coccio tra due vasi di ferro. Berlusconi voleva dimostrare di essere ancora colui che dà le carte, ma tutti i suoi tentativi si sono dimostrati vani, primo fra tutti quello di imporre un condannato per peculato, per dimostrare che i grillini si sarebbero piegati alla ragion politica, pretendendo, poi, senza riuscirci, di incontrarsi con Di Maio.

Alla fine Berlusconi si è dovuto arrendere, anche per il pericolo che alla Presidenza del Senato arrivasse la leghista Giulia Bongiorno, famosa, oltre che per i suoi successi nei tribunali, anche perché si è sempre messa di traverso ai tentativi di Berlusconi di far approvare leggi ad personam.

Adesso si apre la battaglia per il Governo, ma quanto è successo per le elezioni dei Presidenti fa già prevedere che è finita l'epoca degli inciuci e dei Presidenti del Consiglio non scelti dal popolo, per nostra fortuna.

articolo pubblicato il: 24/03/2018 ultima modifica: 08/04/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy