periodico di politica e cultura 22 maggio 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: al Teatro i di Milano

"Monologo della buona madre"

nella stessa sezione:
Teatro i 5 marzo 2018 - ore 21.00

Monologo della buona madre

di Lea Barletti lettura scenica di Barletti /Waas nell'ambito di Fabulamundi - Playwriting Europe

Monologo della buona madre è una confessione, una confessione in pubblico. Una confessione e un'ammissione di incapacità. Incapacità di vivere tout court, forse, o comunque incapacità di vivere al di fuori dello sguardo dell'altro. Ed è l'ammissione di quanto proprio la ricerca, nello sguardo altrui (che sia lo sguardo degli spettatori o lo sguardo della comunità umana cui si appartiene), di una sorta di "permesso d'esistere", possa essere il motivo per cui si va in scena: "Guardami, ascoltami, amami; fa' che io sia!" è la richiesta, più o meno esplicita, più o meno sottintesa. Dunque, non si tratta solo di una donna, di una madre, che ha sempre voluto essere amata, ma anche di un'attrice, e del motivo profondo del suo agire in scena. Monologo della buona madre è la storia di un corpo a corpo: un corpo a corpo di una donna con se stessa e il proprio corpo, con la propria coscienza, con il proprio ruolo di madre, con i figli, con l'immagine di sé, con i propri modelli, con le proprie aspettative, con la propria inadeguatezza, con la propria fallibilità, con la propria creatività, con il tempo, con la vita, con la lingua, con l'amore. Una donna, da sola in scena. Seduta in mezzo alla gente, al pubblico. Inizia il suo discorso dichiarando la propria intenzione di andarsene. Non se ne andrà, perché non c'è vita, per lei, come persona e come attrice, al di fuori dello sguardo altrui. Perché non c'è mondo se non quello che si crea nel discorso tra simili, e il teatro è questo discorso, come bene avevano capito i greci. Il mondo, la vita, è quello che succede tra le persone mentre si parlano: quello che succede tra l'attore e lo spettatore. Il mondo è qui, è adesso, è il teatro. Lo spettacolo è inserito in Fabulamundi - Playwriting Europe (Premio speciale Ubu 2017), progetto europeo di cooperazione che sostiene, promuove e divulga la drammaturgia contemporanea nei paesi coinvolti. Attualmente i partner di Fabulamundi sono 15, in 10 paesi europei. Per quanto riguarda l'Italia, Teatro i è partner insieme a PAV (capofila) e Area06/Festival Short Theatre.

Per info e biglietteria Teatro i via Gaudenzio Ferrari 11, Milano biglietti - posto unico 8 euro 5 marzo: ore 21.00 info e prenotazioni: tel. 02/8323156 - 366/3700770 -biglietteria@teatroi.org - www.teatroi.org biglietti disponibili su www.vivaticket.it

INOLTRE: dal 7 al 12 marzo TRISTEZZA & MALINCONIA o il più solo solissimo George di tutti tutti i tempi di Bonn Park / un progetto di e con Lea Barletti e Werner Waas 14 marzo IL RINGHIO DELLA VIA LATTEA di Bonn Park traduzione e lettura scenica di Lea Barletti e Werner Waas e con Marco Della Rocca (Batteria, suoni e rumori) nell'ambito di Fabulamundi - Playwriting Europe / produzione Teatro i

articolo pubblicato il: 03/03/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy