periodico di politica e cultura 24 maggio 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: al Teatro Brancaccino di Roma

"Leonardo Da Vinci"

nella stessa sezione:
24 - 25 marzo 2018 sabato ore 20.00; domenica ore 18.45 nell'ambito di Spazio del Racconto rassegna di drammaturgia contemporanea 2017/2018 - III edizione

Fondazione Teatro della Toscana Leonardo Da Vinci. L'opera nascosta di e con Michele Santeramo immagini di Cristina Gardumi

Questa storia è tutta inventata. Leonardo Da Vinci ne è il protagonista perché è uno dei pochi personaggi che, per tutta la sua sapienza e il suo ingegno e il suo genio, può risolvere, o almeno provarci, il più grande caso irrisolto che riguarda l'essere umano nella sua sfera artistica, scientifica, vitale: il passaggio. Già, proprio quello. È l'unico al mondo a poterci riuscire. Gli viene in mente di provarci in un pomeriggio di primavera, mentre guarda una battaglia nella quale un esercito usa le armi che lui ha inventato. Le sue opere diventano così un percorso di studio, il tempo nel quale vive diventa il contesto nel quale far attecchire la sua curiosità, per inventare un'altra realtà, che si specchi nell'arte e da quella prenda nuova coscienza. Il racconto dialoga in scena con le immagini di Cristina Gardumi, primi piani di una umanità che ha a che fare con Leonardo e la sua opera nascosta. Ovviamente, nessuno degli episodi che qui si raccontano sono accaduti veramente. Troppo spesso scambiamo le storie vere con quelle credibili; anzi, la credibilità delle storie è spesso legata al fatto che siano accadute veramente. Ma se così fosse, se bastasse che un fatto sia accaduto per descrivere la realtà, allora la realtà sarebbe immutabile, non sarebbe mai messa in discussione, e le cose sarebbero semplicemente quello che sono. Non ci sarebbe scoperta, né invenzione, né arte, se non si potesse tradire la realtà inventandone una plausibile. Preferisco pensare che "le storie, raccontandole, da vere diventano inventate e da inventate, vere". Come i sogni, che non esistono nella realtà ma che una volta sognati, eccoli lì palpitanti, a farti sudare e spaventare e ridere.

Michele Santeramo è autore di testi teatrali. Nel 2011 vince il Premio Riccione per il Teatro con il testo "Il Guaritore". Nel 2013 vince il Premio Associazione Nazionale Critici di Teatro (ANCT), Pubblica nel 2014 il romanzo "LA RIVINCITA" edito da Baldini e Castoldi e in scena con la regia di Leo Muscato. Vince nel 2014 il premio Hystrio alla drammaturgia. Scrive, nel 2014, "Alla Luce", per la regia di Roberto Bacci e la produzione di "Fondazione Pontedera Teatro". Il Guaritore è fra gli spettacoli finalisti del premio UBU 2014 come migliore novità italiana e ricerca drammaturgica. Nel 2015 il Centro per la Sperimentazione e la Ricerca Teatrale Pontedera della Fondazione Teatro della Toscana ha prodotto lo spettacolo 'da leggere' "La prossima stagione" di e con Michele Santeramo. Nel 2015 scrive per la produzione del teatro di Roma e la regia di Veronica Cruciani "Preamleto". Nel 2017 scrive per la produzione del Piccolo Teatro di Milano "Uomini e no", dal romanzo di Elio Vittorini. Scrive per il teatro Bellini di Napoli "Tito". Nel 2017 il Teatro della Toscana produce "Il Nullafacente", che lo vede in scena come protagonista, per la regia di Roberto Bacci. De "Il Nullafacente" il critico Alessandro Toppi ha scritto: [...] "E' così che Il Nullafacente è teatro e, per questo, è un'opera destinata non ad avere pochi spettatori ma, ... "pochi spettatori per volta": che viva, e a lungo mi auguro, nei piccoli teatri d'Italia: lì dove solo i centimetri (annullabili dalla commozione) separano l'orlo anteriore del palco e la prima fila della platea; lì dove il buio è ancora un buio assoluto e il silenzio è un atto di rispetto e di partecipazione; lì dove ciò che vediamo continuerà a riguardarci anche quando saremo tornati a casa, avendo lasciato in noi un segno che perdura nel tempo; lì dove la parola detta da quest'arte riesce ad essere ancora parola autentica, di cui sentivamo il bisogno."

BRANCACCINO Via Mecenate 2, Roma - www.teatrobrancaccio.it Biglietto: 14,00 € + 1,50 € d. p. card open 5 ingressi: 55 € Prevendita su Ticketone.it e presso i punti vendita tradizionali BOTTEGHINO DEL TEATRO BRANCACCIO Via Merulana, 244 | tel 06 80687231 | botteghino@teatrobrancaccio.it

articolo pubblicato il: 20/03/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy