periodico di politica e cultura 26 aprile 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

cronache: a Roma

"Sinestetica"

Sinestetica. musica | cinema | libri | arte Dodici, tredici, quattordici aprile 2018 | viale Tirreno, 70

Nel cuore di Montesacro a Roma, apre la lo spazio poli culturale Sinestetica. Nello spazio policulturale Sinestetica, nel cuore di Montesacro, a Roma dal dodici al quattordici aprile è previsto una nuova quattro giorni ricca di eventi. Ad accompagnare presentazioni di libri, proiezioni di film e musica dal vivo, non mancheranno degustazioni, cocktail e taglieri in pieno stile Sinestetica.

La visione: C'è stato un tempo, nella città di Roma, in cui artisti, poeti, registi si incontravano ai tavolini dei bar e delle trattorie, per una chiacchierata davanti a un bicchiere di vino o a un piatto di pasta. Era prima della televisione, prima che le idee avessero bisogno del successo mediatico per essere prese in considerazione. Oggi, che la cultura dei media ha raggiunto il suo paradosso con la diffusione capillare di internet e dei social, la vita reale è libera di riappropriarsi dei suoi spazi e dei suoi tempi, che si presentano come occasioni per le ricerche creative di confrontarsi fisicamente, nelle tele disposte una di fianco all'altra, nella condivisione di un libro a voce alta, nell'esecuzione di musica classica, jazz e cantautoriale fra le pareti di un salotto, nel parlarsi a quattr'occhi fra una bottiglia e l'altra. (La direzione artistica)

Il programma prevede:

Giovedì 12 aprile alle ore diciotto e trenta la presentazione del romanzo d'esordio di Antonio Pagliuso, Gli occhi neri che non guardo più, edito per Talos Edizioni. Il libro racconta di un caso di omicidio. Del ritrovamento di una valigia che galleggia a pelo d'acqua con al suo interno il cadavere orribilmente smembrato di una donna. Tutto si svolge a Genova nella primavera del '57. Per l'ispettore Melis sarà il primo caso da risolvere. Il dialogo con l'autore sarà condotto da Alessandra Zoppo, esperta di editoria. Si prosegue nella stessa serata, alle ore venti, con il cinema: l'associazione Greve16, formata da ex-allievi della Scuola d'Arte Cinematografica Gian Maria Volonté, presenta un nuovo incontro della rassegna cinematografica quattro/terzi. L'appuntamento, dal titolo Dove siamo oggi, prevede una panoramica dei film più significativi provenienti dalle realtà culturali attualmente più feconde. La proiezione di giovedì appartiene al filone della nuova fantascienza. Il cineasta messicano, protagonista della serata, racconta i limiti dell'esplorazione della Terra. La solitudine profonda è l'ostacolo da superare per la corsa alla sopravvivenza, in un film che descrive una parabola di riconquista del corpo con dinamismo, ironia e profondità.

Venerdì tredici aprile, dalle ore diciannove e trenta è tempo di musica con Controclassica, una rassegna di concerti, ideata da Giuseppe Zampetti e curata da Emma Passi che nasce per riportare la musica classica in un ambiente informale. L'obiettivo è quello di ristabilire un legame diretto tra l'ascoltatore e l'interprete, in una libera atmosfera di condivisione. Duo voce e arpa è il sesto appuntamento dal vivo, si esibiscono Elena Russo alla voce e Irene Betti all' arpa con i brani di Britten e Salzedo.

Sabato quattordici aprile, alle ore undici, Spritz con gli autori Luca Ricci e Massimo Torre; il secondo appuntamento della rassegna ideato e organizzato da Book Media Events e Sinestetica. Un faccia a faccia tra scrittori mediato da Isabella Borghese che conduce l'incontro attraverso un confronto-scontro continuo, tra domande, considerazioni, letture e provocazioni. Il tutto accompagnato, come in ogni salotto che si rispetti, da un calice di spritz e da un gustoso aperitivo. La giornata di sabato prosegue con la musica di Jazz & Whiskey (dalle ore diciannove). Un tuffo negli anni '20, epoca irripetibile di spensieratezza e cieco ottimismo, oasi felice tra i due incubi delle guerre mondiali, che segnò un momento di entusiasmo sociale. Nessun ambito dell'attività umana uscì indenne dal confronto con i roaring twenties. Per celebrarli Sinestetica accoglie un concerto jazz, con Sonia Ziccardi alla voce e Vittorio Solimene al pianoforte. Il duo propone un elegante repertorio di grandi classici della tradizione jazzistica, attingendo dalle produzioni di autori simbolo come Rodgers and Hart, Fats Waller e George Gershwin. Gli spazi di Sinestetica si trasformano in un locale dei tempi del proibizionismo, dove potersi rifugiare per sorseggiare un buon whiskey rigorosamente di contrabbando.

Sinestetica Viale Tirreno, 70 b | Roma Ingresso libero lunedì chiuso / martedì - sabato 10:30-12:30 e 17:00-22:00 / domenica 17:00-22:00 Info: info@sinesteticaexpo.com Site: http://sinesteticaexpo.com Pagina fb: https://www.facebook.com/sinestetica2015/

articolo pubblicato il: 11/04/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy