periodico di politica e cultura 25 maggio 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

arte e mostre: all'Instituto Cervantes di Milano

"Frida e Diego"

Fino al 15 giugno 2018 presso l’Instituto Cervantes di Milano, si terrà la Mostra fotografica “Frida e Diego, un sorriso a metà strada" in collaborazione con il Consejo Nacional para la Cultura y las Artes del Messico.

Una delle coppie più polemiche della storia dell’arte in Messico furono, senza dubbio, Diego Rivera e Frida Khalo. Le loro personalità seducenti provocavano nei loro contemporanei emozioni diverse: invidia, ammirazione. In ogni caso, è innegabile che entrambi crearono al loro tempo un fenomeno sine qua non.

Uniti per quasi venticinque anni, la loro relazione fu caratterizzata da un’infinità di incontri e scontri, da amore-odio, da condivisione e competitività allo stesso tempo. Questo fulcro d’amore fu, a sua volta, testimone di numerosi contatti, vicinanze, complicità e profonde amicizie con grandi personalità di questa epoca. E poco dopo il matrimonio, la coppia si trasferì negli Stati Uniti.

Di questa fase della loro vita sopravvivono alcune fotografie fatte da loro amici come Manuel Álvarez Bravo, Nicholas Muray e Edward Weston. Al rientro in Messico si nota il loro incontro con le nueve forze modernizzatrici del paese. Tra questi prevalsero soprattutto, senza dubbio, la vicinanza con Trotsky e Andrè Bretòn.

Inoltre, l’esibizione mostra una seconda unione matrimoniale e il suo legame con il mondo artistico dell’epoca. La relazione con Siqueiros e Orozco, i loro aiutanti e i loro alunni. Espone anche il dolore e il deterioramento fisico di Frida. La sua vicinanza alla morte e la ultima fotografia di coppia.

Inoltre, attraverso le fotografie di magnifici artisti come Guillermo Kahlo, Peter Jules, Guillermo Zamora y Juan Guzman, si scopre la loro passione per essere ripresi da una lente fotografica, e anche lo spettatore li contempla con un sorriso a metà di questo nuovo cammino.

Nella mostra sono esposte 96 fotografie scattate tra il 1907 e il 1954.

La mostra resterà aperta fino al 15 giugno rispettando i seguenti orari di apertura: da lunedì a venerdì dalle ore 15.00 alle 19.00. Ingresso gratuito.

articolo pubblicato il: 10/05/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy