periodico di politica e cultura 16 luglio 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

teatro: al cortile di Palazzo Ferretti di Ancona

"Medee"

Martedì 10 luglio fa tappa al Museo Archeologico Nazionale delle Marche ad Ancona il TAU/Teatri Antichi Uniti, rassegna regionale di teatro classico che in una coniugazione funzionale e gradevole di beni e attività culturali offre l’opportunità di fruire i luoghi di interesse archeologico per la spettacolarizzazione restituendoli ad un ampio uso dall’impegno congiunto di MiBACT, Regione Marche, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche, AMAT e i Comuni del territorio sedi di teatri e luoghi suggestivi.

Il cortile di Palazzo Ferretti ospita lo spettacolo Medee, drammaturgia e regia di Matteo Tarasco preceduto alle ore 19.30 dalla Visita al Sarcofago con il mito di Medea a cura della dottoressa Nicoletta Frapiccini, Direttrice del Museo Archeologico Nazionale delle Marche (ingresso gratuito).

“Medee – afferma Matteo Tarasco – è il risultato di una residenza creativa presso il Teatro dei Calanchi a Pisticci, in Basilicata. Abbiamo immaginato di costruire qui un teatro con la paglia, usando la collina e le mammelle di argilla dei Calanchi come palcoscenico naturale, con le sue asperità. Una piccola valletta, chiusa e protetta dalla civiltà, dai suoi suoni, le sue luci e i suoi rumori, è diventata la platea, che ogni anno noi creiamo con la paglia, cioè con tutti elementi basici della terra, che ci offre il territorio. Abbiamo scelto di raccontare il mito di Medea con il testo Medee, una drammaturgia desunta da Apollonio Rodio Argonautiche, Seneca Medea, Ovidio Eroidi, Franz Grillparzer Il Vello d'oro, Heiner Muller Materiali per Medea, Christa Wolf Medea voci. Riteniamo che il ritorno alla Grecia - come dicono alcuni psicanalisti - per noi esseri umani dell’occidente del terzo millennio sia fondamentale perché la Grecia rappresenta la nostra radice inalienabile. Il nostro compito di teatranti, di esseri umani e di cittadini è quello di ricordare da dove veniamo, curare le radici al fine di avere un futuro più florido. Mettere in scena Medee significa essere appassionati e folli, significa ricordare che le parole bruciano, che le parole si fanno carne mentre noi parliamo e quindi anche parlare, anche raccontare una storia, è un gesto fisico e corporale. Oggi sembra che la lingua abbia perduto la sua Physis, la lingua oggi non è più del cuore, come diceva Paracelso, ma della mente, di Nuos. Per questo è necessario fare teatro oggi, ovunque e comunque, per non far soccombere la parola nelle paralizzanti spire dell’ossessione comunicativa, per non stritolare la parola nell’angoscia semantica della comunicazione che molto dice e poco esprime. Fare teatro oggi ci ricorda che il valore della parola si riconosce nel silenzio dell’ascolto”.

In scena – nello spettacolo prodotto da Teatro dei Calanchi – ci sono le attrici Martina Cassenti, Federica D’Angelo, Serena Ferraiuolo, Annamaria Ghirardelli, Alice Giroldini, Diletta Masetti, Maddalena Serratore.

Informazioni e biglietti (posto unico 10 euro): AMAT 0712072439, Casa Musicale Ancona 071202588, on line su www.vivaticket.it. La sera dello spettacolo dalle 20.30 presso il Museo 334 6634432. Inizio spettacolo ore 21.30.

articolo pubblicato il: 07/07/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy