teatro
"E qua so io"

Maurizio Mattioli rende omaggio al grande Aldo Fabrizi. Lo interpreta, lo reinventa, diventa lui. Al Teatro Tirso De Molina, fino al 27 maggio, va in scena “E qua so io” (regia Giuseppe Manfridi) con un Fabrizi che racconta se stesso in un viaggio introspettivo che lo lega all’unico altro Mastro Titta del celebre “Rugantino” di Garinei & Giovannini.

E per ricordarlo ancora più affettuosamente decide di salire a bordo di un tram e rispolverare la vecchia figura del bigliettaio per rivivere le emozioni del film “Avanti c’è posto”, proiettato per la prima volta nel 1942, con il quale la popolarità di Fabrizi si affermò oltre i confini regionali. A spasso per le bellezze di Roma sul Tram Jazz, uno dei mezzi storici dell’Atac restaurato e risistemato come ristorante e sala concerto, l’attore ha accolto il pubblico, decisamente sorpreso di trovarselo davanti, ha verificato la validità dei biglietti e regalato un’avventura piacevole tra risate e musica.

Insolito fuori programma prima del debutto, il presupposto per dare vita ad un tributo sincero, pieno di colpi di scena ricordando un teatro di varietà che è ormai parte radicata della nostra cultura e del nostro costume. Nel nuovo spettacolo al Tirso la narrazione concreta è incentrata sull’ultima stagione di Fabrizi, quando viveva accudito da una delle sorelle e inondato di ricordi.

Teatro Tirso De Molina via Tirso,89 Info 06/8411827 Orari: Prima settimana ore 21.00, domenica ore 17.30 Seconda e terza settimana, ore 21.00 e anche sabato pomeriggio alle 17.30

articolo pubblicato il: 10/05/2018