torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
realismo olandese
di Manuela Mattei

Presso Palazzo Leone da Perego, a Legnano, una mostra che per la prima volta in Italia propone opere del 'realismo olandese', oltre cinquanta fra dipinti e sculture, presenti nelle raccolte di ING Group, una collezione unica nel suo genere, realizzate dai pi¨ importanti artisti olandesi delle ultime generazioni.

In rassegna opere di Matthijs R÷ling, il maestro dell'arte figurativa olandese contemporanea, per il quale l'aspetto estetico dell'arte Ŕ il pi¨ importante, sia quando lo stile si ricollega al realismo nordico sia al genere impressionista, ma il risultato finale Ŕ sempre la monumentalitÓ, come nel polittico relativo alle quattro stagioni; Annemarie Busschers propone invece ritratti del figlio Rutger sofferente di un eczema, raccogliendo le emozioni della mutazione della pelle del viso, contraddistinti da una straordinaria forza espressiva.

Philip Akkerman ha dipinto soltanto autoritratti, esplorando le infinite variazioni del suo volto a seguito della continua osservazione allo specchio, mentre Peter Hartwig, allievo di R÷ling, non propone mai una rappresentazione fotografica della realtÓ, ma la sua pennellata fluida Ŕ essenzialmente impressionista, visibile sulla tela, in cui anche le differenze tonali di colore assumono un valore fondante della sua realizzazione; anche la 'Natura morta con frutta e paesaggio' di Raoul Hynckes Ŕ particolare in quanto gli oggetti, pur rappresentati con la massima precisione, sembrano al tempo stesso irreali, quasi avvolti da un velo vellutato.

Carel Willink propone invece una bambina in piedi, in costume rinascimentale, in altrettanto tipico giardino rinascimentale italiano, al contrario di altre opere in cui lo sfondo Ŕ costituito da giardini classicisti o da cieli cupi di nubi: la dolce figura di bimba contrasta fortemente con i personaggi proposti da Theo I'Herminez, in genere duri ed arcigni, dalle forti distorsioni caricaturali, specialmente le donne, dall'espressivitÓ quasi tragica. Di contro, i personaggi di Anneke van Brussel sono incantevoli, quasi dei componimenti poetici, dai colori profondi ed espressivi, resi con una tecnica personale; ricordiamo infine i lavori di Wim Schuhmacher, artista di spicco degli anni Trenta, ed in particolare 'Ritratto di Adine Mees' e 'Melitta in bianco'', due tele giocate su colori tenui, in cui le donne sono riprese in un paesaggio quasi desertico, con alcuni elementi che rafforzano un effetto tridimensionale alquanto particolare.

Molti altri sono gli artisti presenti che non ci Ŕ possibile citare, ma che ritroviamo nel pregevole volume edito da Allemandi & C., bilingue italiano/inglese, con la riproduzione delle opere in uno a testi dei curatori Flavio Arensi, direttore artistico di Palazzo Leone da Perego, Yildith della Coletta e Caroline Vos.

'Realismo olandese. Dall'Avanguardia Magica alle ultime generazioni', a Palazzo Leone da Perego, a Legnano, via Gilardelli 10, sino al 20 aprile 2008 con i seguenti orari: dal martedý al venerdý ore 16,30-19,00; sabato ore 16,00-19,30; chiuso il lunedý.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it