torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"il calapranzi"
di Sergio Gigliati

Ultimi giorni per assistere alla commedia teatrale di Harold Pinter del 1957, Il calapranzi (The Dumb Waiter) scritta ed ambientata a Londra negli anni cinquanta. Scritta inizialmente col titolo - tradotto in italiano - de Il cameriere muto, nota al pubblico come Il calapranzi. Sebbene non si sviluppi propriamente come una commedia, ossia con l'utilizzo del momento comico come movente e fine dell'azione scenica, considerata tale.

Il Calapranzi fa parte della prima stagione drammaturgia di Pinter, dove quasi tutte le opere sono metafora di un solo meccanismo, quello della Violenza, che insidia e minaccia l'individuo. una Violenza che non si esprime nella sua brutalit, ma, al contrario, si manifesta sotto la parvenza di una calma impassibile, scatenando, lo stesso, tutta la sua furia oppressiva.

L'azione si sviluppa in un seminterrato spoglio e desolato, sotto un vecchio ristorante, dove due uomini, Ben e Gus sono in attesa di qualcosa. Ben il pi autoritario e trascorre il tempo leggendo il giornale, Gus invece passivo ma l'unico che utilizza la parola in modo positivo, facendo domande, le quali per non trovano mai risposta. Ne derivano dialoghi vuoti, illogici, irrazionali.

Nel corso delle battute si scopre che essi sono due killer professionisti che attendono istruzioni da un misterioso capo, che sembra comunicare con loro tramite un calapranzi, dal quale vengono fatti scendere oggetti e messaggi. Non conoscono la loro vittima, sanno solo che prima o poi entrer dalla porta dello scantinato dove sono chiusi e loro dovranno ucciderla. L'attesa snervante ed i due riempiono il loro tempo parlando di cose futili, in un crescente stato ansioso che li porta allo scontro verbale, sebbene non acceso, fino ad arrivare al sorprendente finale.

Con Marco Belocchi e Paolo Ricchi, per la regia di Marco Belocchi. Scene di Stefano Silvia su musiche dei Beatles

Teatro Politecnico
Via Giovanni Battista Tiepolo 13/a
Roma
Fino al 6 aprile
Orario spettacoli ore 21 - domenica ore 17,30
Durata dello spettacolo: 1 ora
Biglietti: intero 15€ - ridotto 10euro - scuole 7euro
Tel.06.3219891

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it