torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

mi-guel nius
la ribellione di Innocenzo Circondato, bibliomane

notizie un po' false

di Miguel Mochón de la Torre

I libri si sono ribellati. Si moltiplicano. Mi invadono. Riducono il mio spazio vitale.

Hanno iniziato occupando la libreria, hanno continuato facendosi proprietari del salone, hanno seguitato appropriandosi del corridoio ed infine stabilendosi nella mia camera da letto.

Passo la mia vita in cucina e in bagno, i miei ultimi ridotti.

Non posso continuare così. O loro, o me! Devo sterminarli!

Comincio raccogliendo alcuni libri e ne faccio una pira in giardino. Con mia enorme sorpresa, quando il fuoco si spegne, trovo fra le ceneri vari esemplari nuovi di Fahrenheit 451. Che fiasco!

Provo nuovamente con altre opere. Ne strappo le pagine e le getto con rabbia al suolo. Quando torno dalla cucina, contemplo con stupore che le pagine si sono riorganizzate ricreando le prime tre edizioni de il gioco del mondo di Julio Cortázar. Che fiasco!

Non mi arrendo. Riempo la vasca di acqua. Ci lancio i primi volumi che trovo nel corridoio per distruggerli. Nemmeno un secondo, e come per incanto, si trasformano in Ventimila leghe sotto i mari. Che fiasco!

Non mi pento. Prendo un badile e li sotterro in giardino. Dopo pochi giorni mi accorgo con orrore che sono germogliate dal fogliame varie copertine di Viaggio al centro della terra. Che fiasco!

Credo di odiare Julio Verne.

Prendo un altro lotto di libri. Li lego e li lancio con una catapulta artigianale che con grande fatica ho costruito. Poco dopo, sento un forte colpo. Sono atterrate sul mio patio alcune copie di Dalla terra alla Luna. Che fiasco!

Decido di liberarmene. Inizio a lasciare i libri sulle panchine e nei giardini della mia città. Torno a casa e trovo davanti alla porta ad aspettarmi alcuni volumi nuovi fiammanti de Il profumo di Patrick Süskind. Che fiasco!

Mi arrendo. Mi chiudo in casa. Apro la porta e scopro con sorpresa, sul pavimento del pianerottolo, I viaggi di Gulliver. Che fiasco!

(Trad. Giuseppe Martino Martinelli)

articolo pubblicato il: 04/01/2024 ultima modifica: 17/01/2024

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it