torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

politica estera
i portoghesi e i combattimenti a Gaza
di Lf

Dopo poco più di tre mesi di conflitto, la maggioranza dei portoghesi non trova giustificazioni per l'attacco terroristico di Hamas ad Israele (83%), ma nemmeno per l'offensiva militare israeliana a Gaza (66%) e chiede il cessate il fuoco (79%). Il 23% dei portoghesi ha aperte simpatie per gli israeliani, mente il 21% parteggia per i palestinesi.

Alla domanda per quale dei contendenti provasse simpatia, la maggioranza (56%) ha risposto ambiguamente, affermando di non sapere (32%), o per entrambe le parti in conflitto (24%).

Quando viene chiesto agli intervistati se comprendono le motivazioni delle parti in conflitto, per senza concordare, la comprensione risulta maggiore (49%) nei confronti dei palestinesi che degli israeliani (46%). Comprensione che non è, quindi, giustificazione per il livello di violenza da ambo le parti; l'esecrazione è stata da parte della stragrande maggioranza, sia per quanto riguarda l'attacco dei militari israeliani a Gaza (66%), sia, soprattutto, per l'attacco terrorista di Hamas (83%).

Solo il 7% giustifica il terrorismo, mentre un più corposo 24% giustifica la reazione delle forze armate israeliane. Il 79% dei portoghesi auspica, comunque, un immediato cessate il fuoco. Questa percentuale sale notevolmente tra le persone anziane (87%) e le donne, molto più numerose rispetto agli uomini.

articolo pubblicato il: 27/01/2024 ultima modifica: 07/02/2024

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it