torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cultura
il trionfo della ragione
di Giuseppe La Rosa


HEGEL
(1770 - 1831)

Hegel, il trionfo della ragione. Una ragione governatrice dell'universo. Una ragione che piano piano si rende conto di tutta la sua potenza.

Per Hegel non esistono elementi oscuri della realtà, perché tutto "ciò che è razionale è reale, e ciò che è reale è razionale".

Con Hegel il cuore e il sentimento del Romanticismo vengono soppiantati dalla dea Ragione dell'Illuminismo. La passione viene accettata se compresa e ammessa dalla ragione.

Sicuramente un genio del pensiero. Ma molto orgoglioso e pieno di sé. Niente affatto modesto. A quarantotto anni era professore universitario in Berlino, il più potente di tutti. La Prussia fece sua la filosofia di quest'uomo, e lo difese contro gli avversari.

Temperamento intollerante, si credeva nel giusto comunque. Il suo obiettivo principe era che nessuno osasse pensare in difformità dal suo pensiero. Era convinto che al di là del suo filosafare c'è il nulla.

Per Hegel realtà e pensiero sono la stessa cosa. La ragione è l'unico supporto stabile a cui l'uomo può sostenersi quando viene travolto dal caos che lo circonda.

Tutta la realtà, quindi, è razionale. Il caso e l'accidentale non hanno alcun peso nella realtà o nel pensiero. Ciò che è finito, separato dalla totalità di cui fa parte, resta paralizzato e privo di significato, come una parola isolata dal contesto.

E' il fenomeno "dell'astuzia della ragione" Questa teoria applicata alla storia spiega l'evolversi degli eventi. Uno litiga con un altro, si azzuffano, ne scaturisce un conflitto. E' così che opera la ragione. Cinica, fa affiorare lo stato di insofferenza latente e lo porta alla luce.

Hegel era ottimismo. Tutto ciò che accade nelle storia, scriveva, è ben fatto ed è bene che accada. Bisogna far tesoro dell'esperienza e del pensiero precedente. Riflettendo sull'infelicità passata, l'uomo si rende conto che le diverse vicissitudini storiche erano necessarie perché si potesse progredire.

I dubbi esistenziali non ti devono inquietare, ma poniti un obiettivo nella vita, invece di torcerti su te stesso, e mettiti ad agire.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it