periodico di politica e cultura 2 dicembre 2022   |   anno XXII
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

elzevirino

fa bene al pianeta

di Carla Santini


Samantha Cristoforetti, comandante della stazione spaziale internazionale, ha pubblicamente mangiato uno snack di grillo insaporito con il mirtillo. L’astronauta ha spiegato che nel mondo due miliardi di persone si nutrono di insetti e che questo cibo “è buono per te e per il pianeta”.

Il cibo di insetti è approvato dalla UE, limitatamente ai grilli, alle cavallette ed alle larve della farina. Un’azienda veneta già produce patatine a base di larve, mentre il principe danese Frederik ha pubblicamente gustato un biscotto a base di grilli.

Come diceva Petrolini, i casi sono due. O chi conta nelle alte sfere pensa che ci sarà un’invasione biblica di emigranti dall’Africa, per cui presto in Europa non si sa cosa si potrà mangiare e quindi ci si dovrà adattare o, secondo caso, “là dove si puote ciò che si vuole”, che non è certo dalle parti di Montecitorio, si pensa che il modo migliore per distruggere l’identità dei popoli europei sia quello di distruggere la cultura del cibo, primo fattore di riconoscimento all’interno di una comunità.

Già il mondo è abbastanza globalizzato, con ristoranti di tutti i continenti presenti su tutti i continenti, cosa che non tantissimi anni fa non esisteva. Un tempo, addirittura, nell’Italia del Nord, ma anche in alcune zone di quella del Centro, la pizza era sconosciuta, diciamo fino agli anni Cinquanta del secolo scorso, e la cucina asiatica era confinata nelle grandi città italiane fino ad una quarantina di anni fa.

Che si voglia e si possa sperimentare qualche piatto nuovo è anche giusto, non è detto che si debba mangiare sempre pastasciutta al Sud e riso e polenta al Nord, così come si possono mangiare i wurstel con crauti o la paella. Ma che sia necessario prepararsi a mangiare un alimento così lontano dalla cultura europea come gli insetti significa soltanto prepararsi alla fine del nostro mondo che, forse, è ciò che qualcuno si auspica.

articolo pubblicato il: 04/10/2022 ultima modifica: 19/10/2022

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy