periodico di politica e cultura 22 marzo 2023   |   anno XXIII
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

cronache: a Varese

riaprono i musei del Sacro Monte

Riparte la stagione turistica e culturale del Sacro Monte di Varese. Dopo la consueta chiusura invernale, riaprono ufficialmente tutti i musei del borgo: la Casa Museo Pogliaghi, il Museo Baroffio e la Cripta del santuario tornano a essere visitabili per raccontare secoli di storia, di arte e di devozione. Sono tre luoghi che custodiscono opere di assoluto valore e che richiamano sempre più turisti dal nord Italia e dalla vicina Svizzera, dando così ulteriore valore al Sacro Monte varesino iscritto tra i beni Unesco fin dal 2003 tra i patrimoni mondiali dell’umanità. La Casa Museo Pogliaghi è aperta il mercoledì, giovedì venerdì dalle 10 alle 13, la Cripta e il Museo Baroffio sono aperti negli stessi giorni dalle 14 alle 18. Sabato, domenica e festivi tutti e tre i musei sono aperti dalle 10 alle 18.

«La scorsa stagione è stata ricca di visite ed eventi: dopo il difficile periodo dell’emergenza pandemica, abbiamo finalmente riscontrato un ritorno ai grandi numeri di visitatori», spiegano le guide di Archeologistics, impresa sociale varesina impegnata nella valorizzazione dei beni culturali cui è stata affidata la gestione e la promozione del Sacro Monte. «Il borgo di Santa Maria del Monte, il viale delle Cappelle e i luoghi storici e di cultura sono tornati a essere popolati di pellegrini, famiglie, ma anche persone singole. E i Musei hanno sempre avuto grande fascino. Inoltre, da Milano, dal Piemonte, ma anche dall’estero, nei mesi di chiusura tanti gruppi hanno chiesto visite straordinarie». Inoltre, «grazie a percorsi guidati e attività dedicate alle scuole, in questi giorni studenti e studentesse di ogni età stanno ricominciando a popolare il Viale delle Cappelle e i Musei, scegliendo il Sacro Monte come meta di una gita scolastica. La Casa Museo Pogliaghi è stata scelta anche da numerosi fotografi e brand per essere il set dei loro shooting: nel rispetto delle opere e del luogo, l’interesse mostrato verso questo luogo si sposa bene con la natura eclettica e originale di questo museo».

La Casa Museo Lodovico Pogliaghi è la residenza eclettica dell’artista milanese autore della porta del Duomo di Milano. Le sale racchiudono l’internazionale collezione di Lodovico Pogliaghi, appassionato esteta che nella sua vita collezionò reperti archeologici (più di ottocento reperti egizi, greci, etruschi e romani), tappeti, opere dall'estremo oriente, oreficerie e molto ancora. Accanto alla collezione sono ammirabili anche le opere dell’artista, tra le quali spicca il modello in gesso della porta del Duomo di Milano. www.casamuseopogliaghi.it Il Museo Baroffio è collocato a fianco del Santuario e custodisce all’interno la collezione Baroffio, con opere dall’epoca romanica fino al Settecento, la raccolta del Santuario e la collezione Macchi, con una sala dedicata ad artisti contemporanei, quali Matisse, Guttuso, Bodini, Carpi e Longaretti. www.museobaroffio.it La Cripta del Santuario: l’antica chiesa di IX-X secolo costruita sulla montagna è il cuore di tutta la storia di Santa Maria del Monte. I restauri conclusi nel 2017 hanno riportato alla luce affreschi quattrocenteschi e resti che riportano ai primi secoli di vita di questo importante luogo di culto. www.sacromontedivarese.it/luoghi/la-cripta-5.html

Inoltre, da sabato 18 marzo a sabato 25 marzo, il Centro Espositivo Mons. Pasquale Macchi (presso la prima cappella) ospita la mostra fotografica di Marco Baroni “Valmorea. Il sogno di una ferrovia mai dimenticata”. La mostra è visitabile gratuitamente dalle 10 alle 16. Chiusa lunedì 20 marzo.

Archeologistics - Fondata nel 2004, è un’impresa sociale varesina impegnata nella divulgazione e conoscenza dei beni culturali. Progetta e realizza servizi di gestione museale, educazione al patrimonio, visite guidate e turismo culturale. In Lombardia opera in tutti i quattro siti Unesco Patrimonio dell’Umanità della provincia di Varese e collabora con le principali istituzioni del territorio e con il Ministero per i Beni Culturali. Fornisce consulenza per musei, monumenti e aree archeologiche, luoghi d’interesse storico-artistico e progetta percorsi per scuole e pubblico specialistico. www.archeologistics.it

articolo pubblicato il: 18/03/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy