periodico di politica e cultura 1 dicembre 2023   |   anno XXIII
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: al Teatro Lo Spazio di Roma

Il guardiano

Debutta in prima assoluta al Teatro Lo Spazio, dal 16 al 19 novembre, Il guardiano di Harold Pinter con la regia di Duccio Camerini. Due fratelli e un vecchio. Una stanza di periferia che sembra più un magazzino, accerchiata da immigrati di tutte le razze, in una grande città ormai grottesca. Tutto comincia quando Aston porta in quella "casa" un uomo che ha incontrato mentre litigava in un bar. L'uomo è un vecchio, forse un vagabondo. Presto verrà fuori anche l'altro fratello più giovane, Mick. Il vecchio capisce subito che quel posto per lui è una opportunità; ma per riuscire a restare lì dentro, e forse arrivare a ricoprire il ruolo di "guardiano", come gli è stato promesso, sa che dovrà giocare una partita diversa con ognuno dei due "proprietari". E i due fratelli non si sottraggono, non hanno un lavoro vero e proprio, passano molto tempo dentro quel luogo inclassificabile.

Una situazione ridicola e con un fondo di minaccia, che un triangolo di dipendenze tra i personaggi rende sempre più aggravata e più ridicola. E' il vecchio ad essere più scaltro dei due, soprattutto quando cerca di mettere i fratelli l'uno contro l'altro? Oppure il suo tempo con loro aveva una scadenza, che era stata decisa fin dall'inizio? E i due ragazzi sono davvero confusi e inconcludenti come sembrano, giovani e fragili nel loro spaesamento (Aston perfino affetto da una patologia che forse anni prima gli aveva fatto soffrire le scariche di un elettroshock) ? Oppure il loro incontro col vecchio è soltanto una trappola, pura e centellinata violenza, non sanguinaria come quella praticata dai protagonisti di "Arancia Meccanica" o di "Funny Games", ma non per questo meno efficace? Nonostante appartenga al primo periodo di Pinter, è del 1960, Il Guardiano è stato sempre giudicato come una delle vette del futuro Premio Nobel. Un capolavoro calato nella working people che usa comicità banalità e minaccia (le armi più affilate del suo autore), e che è tuttora inclassificabile: una commedia sul potere tra personaggi senza potere. Disturbante forse anche più di allora, se vogliamo dirla tutta. Basta fare il conto delle guerre e degli orrori che siamo stati costretti ad ingoiare in questi ultimi sessant'anni.

IL GUARDIANO Dal 16 al 19 novembre ore 21.00, domenica ore 17 Biglietti: 15 euro – ridotto: 12 euro (bar aperto per aperitivo dalle 20.00)

Teatro Lo Spazio Via Locri,42 informazioni e prenotazioni 06 77076486 / 06 77204149 info@teatrolospazio.it

articolo pubblicato il: 13/11/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy