periodico di politica e cultura 1 marzo 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

arte e mostre: alla Fondazione Palazzo Magnani di Reggio Emilia

Sophie Taeuber-Arp

In mostra troverete le opere di Sophie Taeuber-Arp, una delle artiste più talentuose e ostracizzate del secolo scorso.

Sophie Taeuber-Arp (moglie dell’artista e poeta alsaziano Hans Arp) partecipò ‒ unica esponente femminile – al movimento zurighese Dada. Fu un’artista poliedrica, che si serviva di pennello, pialla da falegname o ago senza alcuna differenza. Si occupò poi anche di architettura e interior design, ad esempio insieme ad Arp e all’artista olandese Theo van Doesburg realizzò l’ambiziosa decorazione del Café Aubette a Strasburgo. All’inizio del XX secolo gran parte delle sue pratiche venivano considerate “minori”: Taeuber-Arp, in quanto insegnante di arti applicate, ballerina, interior designer e architetta, editrice di riviste e illustratrice di libri, non poteva pretendere di accedere al rango di “artista”.

La Taeuber-Arp disegnò burattini e scenografie per gli spettacoli del Cabaret Voltaire, luogo di ritrovo del movimento dadaista, dove apparve anche come marionettista e ballerina. Nel 1918 fu incaricata dal direttore della Scuola di Arti e Mestieri dove insegnava, di mettere in scena - come opera di marionette - la fiaba teatrale tragicomica Re Cervo, scritta da Carlo Gozzi nel 1762. A Palazzo Magnani troverete alcune di queste marionette, ritenute all’epoca “troppo moderne e troppo audaci” dalla produzione, ma che ottennero il favore dei dadaisti e delle riviste d’avanguardia, ma anche della rivista americana Vanity Fair, nel 1921. La nota casa di moda Fendi le scelse per una sua recente campagna pubblicitaria. Le sue marionette coniugano grazia, ironia, cubismo e costruttivismo. Sophie Taeuber-Arp dimostra come sia possibile fare arte con la “A” maiuscola ricorrendo indifferentemente a lana, carta, ceramica, vetro, argilla, legno o colori a olio.

La mostra è aperta il mercoledì e giovedì ore 10-13 e 15-19 e dal venerdì alla domenica ore 10-19 Tutti i giovedì ingresso a 5 € per gli studenti universitari Visite guidate e Faccia a Faccia Incontri con i protagonisti: mercoledì 7 febbraio ore 16.30 - L’Arte del prendere corpo. E anima. Incontro con Fulvio De Nigris e Alessandro Bergonzoni sul tema della “formidabilità come superabilità delle disabilità”

articolo pubblicato il: 30/01/2024

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy