periodico di politica e cultura 14 aprile 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

elzevirino

pietra d'inciampo

di Carla Santini


nella stessa sezione:
La giustizia farà il suo corso e Christian Solinas, forse o sicuramente, riuscirà a dimostrane la propria innocenza. A proposito delle disavventure del governatore sardo uscente, qualche leghista ha accusato i magistrati di tempismo perfetto, ma sicuramente, con indagini in corso, la ricandidatura di Solinas non era proponibile.

La scelta di Paolo Truzzu, sindaco cagliaritano di Fratelli d’Italia, a candidato governatore, alla fine è risultata perdente, sia pure sul filo di lana, contro Alessandra Todde, esponente del M5s, appoggiata dal PD.

Al di là del vecchio discorso, di solito ritirato fuori dai perdenti, che le elezioni amministrative hanno valore locale e molto relativamente una valenza politica, resta il fatto che si è trattato di un segnale forte per la politica nazionale.

Il cosiddetto Campo largo ha vinto in Sardegna e potrebbe essere un’ipotesi di lavoro vincente anche a Roma; la leadership di Elly Schlein ne esce rafforzata, con grande scorno del vecchio apparato che dal PCI, attraverso il PDS e i DS, è approdato al PD con la gattopardesca strategia che tutto debba cambiare affinché nulla cambi, dopo il matrimonio con gli epigoni della vecchia sinistra democristiana, basista, forzanovista e morotea.

Le elezioni sarde rappresentano una pietra d’inciampo nella corsa di un centrodestra che appariva invincibile ed uno smacco per Giorgia Meloni, piccolo o grande che lo si voglia giudicare.

Si pone, peraltro, con prepotenza una domanda: il crollo della Lega nell’isola è dovuto a cause naturale o, come i maligni ipotizzano, si è trattato di una strategia ben precisa dell’apparato elettorale leghista? Pleonastico citare la vecchia battuta del divino Giulio.

Tra qualche mese si dovranno scegliere i candidati alla guida di diverse regioni. Non sarà semplice per il centrodestra, come non sarà possibile, per Giorgia Meloni, archiviare con fastidio e con un’alzata di spalle la proposta leghista di un terzo mandato ai governatori.

articolo pubblicato il: 27/02/2024 ultima modifica: 03/03/2024

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy