periodico di politica e cultura 28 maggio 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

cronache: Biennale di Venezia

in vendita i biglietti


nella stessa sezione:
Sono in vendita esclusivamente sul sito web della Biennale di Venezia (www.labiennale.org) i biglietti e gli abbonamenti per tutti gli spettacoli e i concerti in programma alla Biennale Danza, Biennale Musica, Biennale Teatro.

Fra le diverse offerte si segnalano: - il biglietto combinato Biennale Arte + Biennale Teatro o Biennale Danza o Biennale Musica, che abbina all’ingresso alla 60. Esposizione Internazionale d’Arte uno spettacolo o un concerto a scelta tra quelli in programma ai Festival di Danza, Musica e Teatro al prezzo unico di 40 euro - l’abbonamento a tre spettacoli della Biennale Teatro o della Biennale Danza, o a tre concerti della Biennale Musica (a scelta tra quelli selezionati) al costo di 60 euro (36 euro per studenti e under 26)

S’intitola Niger et Albus il 52. Festival Internazionale del Teatro, il quarto diretto da Stefano Ricci e Gianni Forte (ricci/forte). Dal 15 al 30 giugno 2024 spettacoli, installazioni, mise en lecture e performance site-specific. “Una line-up di straordinari artisti poetico-visionari - scrivono i Direttori - si mobiliterà per risvegliare le coscienze e delineare i contorni di un futuro più desiderabile, stupendoci con performance indimenticabili, offrendo un biglietto di A/R per un altrove trasversale” (ricci/forte). Fra i tanti nomi in programma: Back to Back Theatre, la compagnia australiana di attori disabili, premiata con il Leone d’oro alla carriera, per la prima volta in Italia con Food Court; il collettivo anglo-tedesco Gob Squad, Leone d’argento a Venezia, con lo spettacolo Creation (Pictures for Dorian) e l’installazione Elephants in rooms; il regista svizzero Milo Rau con il nuovo spettacolo Medea’s Children; il drammaturgo e attore inglese Tim Crouch con l’imperdibile Truth’s a Dog Must to Kennel, tra stand up comedy e metaverso. E ancora: Muta Imago, fra le compagnie italiane più accreditate all’estero, il regista iraniano Amir Reza Koohestani, la scrittrice e regista brasiliana Luanda Casella, l’artista multimediale Miet Warlop.

In scena dal 18 luglio al 3 agosto, il 18. Festival Internazionale di Danza Contemporanea è un’ode alla bellezza dell’“essere umani”. We Humans, questo il titolo scelto dal Direttore artistico Wayne McGregor, porta a Venezia i protagonisti della danza contemporanea internazionale, che “attraverso il loro lavoro ci sollecitano a chiederci da dove veniamo e dove siamo diretti, sondando il fulcro dell’essenziale, il cosa e il perché della sensibilità” (Wayne McGregor). Tra gli artisti invitati: Cristina Caprioli, Leone d’oro alla carriera della Biennale Danza 2024, a Venezia con 3 spettacoli in prima italiana e una nuova creazione per i giovani danzatori di Biennale College Danza; Trajal Harrell, Leone d’argento, in scena con la performance installazione Sister or He Buried the Body e lo spettacolo Tambourines; e ancora la compagnia taiwanese Cloud Gate a confronto con l’intelligenza artificiale, l’ensemble afro-colombiano Sankofa Danzafro capeggiato da Rafael Palacios; il ritorno di Shiro Takatani, co-fondatore del collettivo giapponese Dumb Type alla Biennale Danza con Tangent; le nuove generazioni della danza con le creazioni in prima assoluta di Miller de Nobili, Vidavè e Melisa Zulberti, vincitori del bando nazionale e internazionale per nuove coreografie.

Lucia Ronchetti, Direttore del settore Musica, esplora il concetto di musica assoluta. Dal 26 settembre all’11 ottobre Absolute Music porterà a Venezia non solo i più originali compositori attivi sulla scena internazionale, ma anche i protagonisti della scena elettronica globale e i più innovativi sperimentatori jazz. Spiccano i nomi di Rebecca Saunders, compositrice inglese residente a Berlino, premiata con il Leone d’oro alla carriera 2024, e dell’Ensemble Modern, destinatario del Leone d’argento. Accanto a loro, fra gli altri, il compositore americano David Lang, gli italiani Marco Momi, Luca Francesconi e Salvatore Sciarrino; il polistrumentista e compositore Tyshawn Sorey e il trombettista Peter Evans; il maestro del claviton Georg Vogel. E ancora: la compositrice e chitarrista iraniana Golfam Khayam, i dj e performer Muqata’a, Tim Hecker, Søs Gunver Ryberg. Importanti ensemble e grandi orchestre arricchiscono il programma, come l’Orchestra del Teatro La Fenice, la WDR Sinfonieorchester, la Frankfurter Opern-und Museumsorchester.

articolo pubblicato il: 24/04/2024

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy