periodico di politica e cultura 12 giugno 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

cronache: assegnato ad Elena Bucci

Premio “Valeria Moriconi”

È Elena Bucci, tra le voci più interessanti e riconosciute del panorama teatrale contemporaneo, premio Eleonora Duse, due premi Ubu e due premi Hystrio, la vincitrice della quinta edizione del Premio “Valeria Moriconi - Protagonista della scena”, riconoscimento a cadenza biennale intitolato alla grande attrice di Jesi. Nelle precedenti edizioni, il premio è stato assegnato a Isabelle Huppert (2009), a Monica Guerritore (2011), Emma Dante (2020) e a Ottavia Piccolo (2022). Il Premio “Valeria Moriconi” è stato istituito dalla Città di Jesi, Fondazione Pergolesi Spontini, Centro Valeria Moriconi e Amat (enti promotori), con il sostegno del Ministero della Cultura e della Regione Marche, per conservare e continuare l’eredità artistica e culturale della grande attrice di Jesi, valorizzando il ruolo della donna sulla scena tra passato, presente e futuro. Il riconoscimento sarà conferito a 19 anni esatti dalla scomparsa di Valeria Moriconi, sabato 15 giugno ore 18, al termine dello spettacolo “Canto alle vite infinite” che vede Elena Bucci protagonista in scena, come autrice, regista e interprete. Dopo la performance, l’artista romagnola converserà in palcoscenico con il direttore dell’Amat Gilberto Santini. Seguono l’assegnazione del Premio Moriconi “Protagonista della scena” 2024 alla Bucci, con l’opera fotografica di Tommaso Le Pera raffigurante Valeria Moriconi in Antonio e Cleopatra [1989], e a Marina Occhionero per la sezione “Futuro della scena”, con il ritratto di Valeria Moriconi in Epitaffio e ballata per Salomè [1971] sempre realizzato da Tommaso Le Pera. Il Premio consentirà alla Occhionero, giovane attrice di Asti, di debuttare in una nuova produzione teatrale. La serata che celebra, nel nome di Valeria Moriconi, il magistero delle donne nell’arte teatrale, sarà preceduta da altri due appuntamenti, dalle ore 16,30 alle Sale Pergolesiane del Teatro Pergolesi: la presentazione del libro “Universo Duse, Drammaturgie sulla Divina (1947-2017)” a cura di Maria Pia Pagani e Paolo Puppa, e il monologo teatrale “La vera storia di Cappuccetto Rosso. Dalla parte del lupo” di e con Paolo Puppa. Lo spettacolo “Canto alle vite infinite” (progetto Terra mater matrigna), di e con Elena Bucci, con le musiche originali al pianoforte e alla fisarmonica Christian Ravaglioli, produzione Le belle bandiere, è un tributo alla natura, ai luoghi cari della Romagna, colpiti dall’alluvione, in cui rivivono storie e leggende. In una veste blu notte, tra architetture musicali eseguite dal vivo, l’artista intona un’ode alla vita, sospesa tra storia e invenzione, in cui i fili della memoria restituiscono una folla di quadri viventi della sua terra. “Sembro sola, ma sono circondata da una miriade di fantasmi che chiedono di essere raccontati. Se non lo faccio io chi mai lo farà? – spiega la Bucci nelle note di regia - Siamo in un palazzo abbandonato, in una vecchia casa di campagna, in una palude di Romagna tra acqua e cielo, in una grande città, dentro un sogno o un’anima, sopra un albero incantato o nel giardino dei poeti. Possiamo incontrare una novantenne dall’anima di bambina, un cineamatore a cui sfugge la realtà, una formidabile donna cantastorie, un contadino che non vuole abbandonare la sua casa anche quando il fiume inonda la campagna riprendendo il corso originario. Tramandata di voce in voce una ninna nanna scongiura guerre e avidità contro le quali lotto aprendo le braccia per raccontare tutte le storie di tutti e non perderne le memorie. È un’impossibile impresa, un fallimento dichiarato che mette allegria. Non c’è nulla da perdere e una marea di cose da imparare” Elena Bucci è attrice, autrice, regista. Si forma nella compagnia di Leo de Berardinis dove resta quattordici anni, fonda e guida con Marco Sgrosso la compagnia “Le belle bandiere”. Dirige e interpreta testi classici e contemporanei, scrive drammaturgie originali spesso in musica, crea progetti e spettacoli dove dialogano artisti di diverse discipline e vengono restituiti al pubblico spazi della memoria, luoghi d’arte e teatri. Fra i riconoscimenti: Premio Ubu per le interpretazioni di sue drammaturgie e regie, Premio Ubu per il lavoro con Claudio Morganti, Premio Duse, Premio Hystrio – ANCT Associazione Nazionale Critici Teatrali, Premio Hystrio Altre Muse, Premio Eti Gli Olimpici del Teatro ora Le Maschere del Teatro, Premio Viviani, Premio Scenari Pagani, Premio ERF alla carriera. Collabora con artisti, musicisti, scrittori, danzatori, studiosi. Lavora per il cinema d’autore e scrive e interpreta testi per radio e televisione. Ha collaborazioni artistiche e produttive con teatri nazionali, festival, compagnie, teatri di tradizione e innovazione, in Italia e all’estero. Si occupa di alta formazione presso università e accademie e pubblica su volumi e riviste. Marina Occhionero, Premio Reiter 2019 alla migliore giovane attrice e Premio Ubu 2019 alla miglior attrice under 35, è nata ad Asti. Ha studiato recitazione all’Accademia d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” e successivamente a Parigi, al Conservatoire national supérieur d’art dramatique. Ha lavorato in teatro diretta da Oscar De Summa in Riccardo III, La cerimonia e Indomabile è la notte, poi nella ripresa di In cerca d’autore, Studio sui Sei personaggi di Luigi Pirandello di Luca Ronconi, al Piccolo Teatro di Milano. Con Emilia Romagna Teatro è negli spettacoli Lettere a Nour di Giorgio Sangati, Per il tuo bene di Pier Lorenzo Pisano e Padri e Figli di Fausto Russo Alesi. Successivamente lavora con Mario Scandale in La Gloria e in Incendi, drammaturgia di Fabrizio Sinisi, con Andrée Ruth Shammah ne Il malato immaginario e Il Misantropo presso il Teatro Franco Parenti e con Riccardo Frati nel Barone Rampante presso il Piccolo Teatro di Milano. Esordisce al cinema nel cast de La ragazza nella nebbia di Donato Carrisi e prende parte ai film Il primo Re, In viaggio con Adele, Genitori quasi perfetti, Il talento del calabrone. Per la televisione, lavora con Roan Johnson e Simone Spada nelle serie Monterossi e Studio Battaglia e con Maria Sole Tognazzi nella serie Sky Petra. Biglietti posto unico Spettacolo “canto alle vite infinite” euro 15. L’ingresso alle Sale Pergolesiane per la presentazione del libro e il monologo che segue sarà gratuito con prenotazione obbligatoria. Informazioni: Biglietteria Teatro G.B. Pergolesi, 0731 206888 - biglietteria@fpsjesi.com AMAT 071 2072439 - amatmarche.net PREVENDITE on-line vivaticket.com

articolo pubblicato il: 01/06/2024

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy