periodico di politica e cultura 16 giugno 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: a Teatrosophia di Roma

La bambola spezzata

nella stessa sezione:
Secondo appuntamento del 2024 a Teatrosophia con “La bambola spezzata” di Emilia di Rienzo, per riflettere sulla tragedia dell’Olocausto e imparare dalla storia affinché certe tragedie non si ripetano mai più. Una bambola, ponte tra il passato e il presente, simbolo della memoria, degli orrori e di chi la storia non ha potuto raccontarla; unico legame tra una madre e una figlia "eredi" di un vissuto doloroso che le vedrà irrimediabilmente distanti! In scena Irma Ciaramella, Alessandra Ferro con la partecipazione di Gianni De Feo che ne cura anche la regia.

Una madre abbandona la figlia sin dalla prima infanzia per consacrarsi alla fede nazista. Madre e figlia si ritrovano ora dopo lunghi anni di distacco. Si scrutano, si riconoscono appena, si fiutano, si respingono, sospesi in uno spazio onirico e irreale. La madre, scolpita in un’età indefinibile, bianca come marmo, simile a un rapace pronto all’ attacco, è deturpata dai segni evidenti di una follia delirante, frutto di un agghiacciante addestramento di disumanizzazione. I ricordi riaffiorano da una vecchia valigia dove è custodita una bambola, unica testimone del reale. Il ritmo è serrato e forte, l’atmosfera tagliente. Come in una gabbia, i due personaggi si affrontano in un delirante, appasionato e feroce scontro tra vittima e carnefice. Grottesca e patetica la madre, in preda ad improvvisi attacchi di pianto, chiede, pretende, implora addirittura di essere chiamata : “MAMMA! Passionale e carnale la figlia, oscillante tra lucida consapevolezza e smarrimento emotivo, stordita dal dubbio, rifiuta, incapace di pronunciare quella parola mai più detta e ormai dimenticata. “No, madre, non ti odio. Semplicemente non ti amo. Non posso amarti.”

La bambola spezzata

di Emilia de Rienzo con Irma Ciaramella e Alessandra Ferro Con la partecipazione di Gianni De Feo regia Gianni De Feo Aiuto regia Sabrina Pistilli Assistente alla regia Letizia Nicolais costumi Gianni Sapone e Roberto Rinaldi Progettazione scenografia Roberto Rinaldi musiche originali Adriano D’Amico Foto di scena Manuela Giusto Grafica Umberto Cappadocia Produzione Lab 48 srls

Da giovedì 25 a domenica 28 gennaio 2024 . Dopo lo spettacolo, il consueto aperitivo offerto da Teatrosophia

La bambola spezzata Di Emilia Di Rienzo Giovedì a sabato h 21:00/domenica h 18:00

Teatrosophia via della Vetrina 7 – 00186 Roma

Biglietti: Intero: Euro 14,00+5,00 per tessera associativa Ridotto: Euro 11,00+5,00 per tessera associativa Prenotazioni Tel: 06 68801089 /353.39.25.682 info@teatrosophia.com https://www.teatrosophia.it/index.php/le-stagioni/2023-2024?view=article&id=40&catid=9

articolo pubblicato il: 20/01/2024

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy