periodico di politica e cultura 16 giugno 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

cinema: FEFF 26

il programma di domenica 28

Una geniale polistrumentista giapponese capace di spaziare dal dream pop all’ambient jazz, camminando sul filo del crossover tra Oriente e Occidente. Domenica 28 aprile, alle 19,00, Eiko Ishibashi sarà la protagonista dell’attesissimo live intitolato GIFT: lo splendido progetto da cui ha preso vita Evil Does Not Exist (Il male non esiste) di Ryusuke Hamaguchi, vincitore del Leone d’Argento - Gran Premio della Giuria a Venezia e uscito nelle sale italiane sotto il doppio segno di Teodora Film e Tucker Film!

Quello di Eiko Ishibashi non è un semplice concerto-evento nel cuore di un festival cinematografico: è un vero e proprio “concerto cinematografico”, una performance assolutamente unica dove le architetture musicali danzano delicatamente sulle immagini e le immagini danzano delicatamente sulle architetture musicali. All’angolo del palco, dunque, ci sarà lei, con tutto il suo equipaggiamento elettronico e tutta la sua arte, mentre sul grande schermo del Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” scorreranno le sequenze di GIFT, il film muto che Hamaguchi ha scritto e diretto per Eiko.

Classe 1974, cantante, compositrice e, appunto, autrice di colonne sonore (quella di Drive My Car, il film con cui Hamaguchi ha vinto l’Oscar nel 2021, porta la sua firma), la Ishibashi ha esplorato e continua a esplorare qualunque genere di sfumatura musicale. E nel corso degli anni, non a caso, ha collaborato con figure di primissimo piano della musica di ricerca come Haino Keiji, Charlemagne Palestine, Merzbow, Giovanni Di Domenico e Oren Ambarchi…

Anche la quinta giornata, ovviamente, sarà ricca di film da non perdere. Tra questi, ricordiamo, c’è una formidabile tripletta cinese (Wonder Family, The Midsummer’s Voice, The Movie Emperor con il super divo Andy Lau) e c’è anche il restauro del capolavoro Three Seasons, cioè il primo film vietnamita uscito negli Usa dopo l’embargo. Una poetica riflessione sul passato, sul presente e sul futuro della città di Saigon che vede tra i protagonisti il mitico Harvey Keitel.

articolo pubblicato il: 27/04/2024

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy