periodico di politica e cultura 12 giugno 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

cronache: a Pitti Immagine Uomo di Firenze

Qui-Hat Luxuri

nella stessa sezione:
L’essenza di Doria. Il racconto della semplicità, della lentezza, della calma e della purezza, di romantici pionieri delle lande sconfinate. Una semplicità che assorbe le cromie autentiche della natura senza modificarle, in totale armonia. La Natura è il punto di partenza, che si fonda sul rispetto dell'ambiente e fa del principio di sostenibilità un punto forte della collezione. La “sostenibilità" è un percorso virtuoso e necessario, che Doria percorre a partire dalla sua filiera, facendo costante ricerca di materiali e fornitori di qualità. Qualità che si incontra con la cifra stilistica del brand e dà luogo ad accessori dal lusso autentico, il "quiet luxury”. Sono proposti cappelli realizzati con lane ecologiche merino italiane, le cui nuance non vengono tinte, il vello viene utilizzato esclusivamente nel suo colore naturale, nessun colorante, nessuna tintura. Se il tessuto tecnico dei capi antipioggia richiede necessariamente la presenza di fibre artificiali performanti, è presente una selezione di cappelli, gli ormai iconici accessori inseparabili compagni di viaggio, realizzati in base cotone con le dovute percentuali di filati tecnici per garantire la protezione dalla pioggia.

Un respiro di pulizia che pervade ancora di più la collezione Doria per l’inverno 2024-25, un ritmo lento che si percepisce nelle linee essenziali e dettagli puliti. Un lusso che non è solo orpello ma soprattutto rilassatezza. Le linee iconiche di Doria 1905, studiate nei minimi dettagli e proporzioni, a diventare come sculture dalle linee nette, quasi metafisiche. La semplicità non è un percorso superficiale, è elaborazione di proporzioni, colori, luci, ombre e forme che possano creare un equilibrio armonico, naturale, imperfetto. L’ormai inconfondibile Drop di Casa Doria si spoglia, diventando la radice di declinazione di diversi modelli e stili. Il logo Doria semplicemente termo-applicato direttamente sul feltro, lacci di cuoio crudo e gli anelli puliti e lucenti. Via le classiche cinte, via gli artifici, benvenute semplicità e trasformismo. I colori si susseguono eterei e si ispirano alla natura, alle luci della neve, del ghiaccio, delle aurore e dei bagliori.

La terra e le foglie, il colore della notte: Riverbero, Aurora, Perla, Fumo, Tufo, Lichene, Deserto, Curcuma, Sottobosco, Tempesta, Notte. I feltri morbidi in lapin o lana soft, tessuti naturali come le lane non tinte di rispettosa origine italiana “LANAITALIANA®”, i tweed corposi dai toni neutri e ancora i tweed e gli shetland originali british giocano con inaspettati mix di colori, Venetian, Carnival, Tundra.

La linea Raindrops in un avvolgente tono di Viola Tempesta, leggera e impalpabile, scaldata dal suo immancabile velo di Thindown®, svela il suo lato avventuroso nella versione Safari in tessuto trench nei colori Underwood, Deserto e Buio. Tutto parla di natura, di purezza, di praticità. Un cappello vuole raccontare chi lo indossa, non sopraffarlo. Una pulizia celebrata anche nella nuova campagna ADV scattata in uno studio a cielo aperto tra il bagliore del bianco, le sfumature del ghiaccio, le luci del cielo, interpretata dall’esprit fotografico di Mauro Lorenzo.

articolo pubblicato il: 06/01/2024

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy