periodico di politica e cultura 15 luglio 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: al Teatro Cometa Off di Roma

Suad

A Roma, il 20 novembre alle ore 11.00, va in scena, al Teatro Cometa Off, il DocuTeatro “Suad”. L’adattamento scenico è liberamente ispirato al romanzo autobiografico “Bruciata viva. Vittima della legge degli uomini”, della scrittrice cisgiordana Suad (il nome è uno pseudonimo). I versi sono di uno dei più grandi poeti persiani, Nezami Ganjavi (XII° sec.).

La regia è affidata a Valeria Freiberg, direttore artistico dell’Associazione Ariadne Compagnia Teatro A. Protagonisti sono Cristina Colonnetti, Erica Lauro e Giada Negro.

Suad racconta la tragica storia di una donna costretta a subire un sopruso, punita per una gravidanza arrivata prima del matrimonio. Il suo corpo viene cosparso di benzina e le viene dato fuoco su volere della sua stessa famiglia. Una vicenda sconvolgente e, purtroppo - basti pensare alla recente storia di Saman Abbas, la 18enne di origine pakistana uccisa dai suoi stessi familiari – ancora di viva attualità.

Suad non è una, o meglio è la stessa vista da angolazioni differenti portate in scena da tre donne vestite di nero. C’è la Suad di oggi (Cristina Colonnetti) che racconta la storia attuale; c’è la Suad di 19 anni fa, quando uscì il libro (Erica Lauro) che riflette sulla sua tragica vicenda; c’è una ballerina (Giada Negro) che propone con la danza la vitalità e l'incredibile varietà di sensazioni. Le tre donne raccontano la stessa storia, rappresentando l’Anima, la Ragione e il Corpo di Suad, con le loro voci che si inseguono e si sovrappongono.

«Lo spettacolo – spiega la regista Valeria Freiberg - è ideato con un formato narrativo originale, distante dai canoni tradizionali, cercando di far emergere soprattutto i significati più profondi della storia della ragazza. Ciò si realizza rivelando anche la parte oscura della sua vita di allora, attraverso il linguaggio del corpo, la musica e i contributi video. Ogni movimento di scena è simbolico, integrato nella visione quasi plastica, minimalista della regia».

Teatro Cometa Off via Luca Della Robbia, 47 Roma biglietto unico 10 €

articolo pubblicato il: 15/11/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy